Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Alla scoperta del vero Texas
Pagine: 1, 2, 3
di Isabella Intelisano

Cody era appena arrivato da non so dove e stava, guarda caso, andando nella zona West End, dove le nostre due turiste stavano tornando per la grigliata. Approfittando del loro passaggio, il nostro cowboy si è diretto alla grigliata con loro e alla fine della serata, dopo averle portate in giro per i saloon a far loro conoscere i proprietari dei locali che erano suoi amici,(foto 4, foto 5, foto 6) ha comunicato alle nostre protagoniste che non sapeva come arrivare a Decatur da sua madre. E’ così nata una diatriba tra le due cugine. Isabella aveva pietà di lui e, dato che Decatur era sulla strada del ritorno a Bridgeport e in quel luogo non esiste nessun mezzo di trasporto eccetto la macchina, voleva dare un passaggio allo sconclusionato ragazzo. Paola invece, era convinta che fosse un serial killer e voleva abbandonarlo li. Alla fine, dato che l’autista era l’imprudente Isabella, Cody è stato condotto a casa dalla mamma sano e salvo. Così le nostre Thelma & Louise hanno fatto la conoscenza del caro e confuso Cody, che da quel giorno in poi possiamo considerare la guida ufficiale di questo viaggio. Nei giorni seguenti, sempre sotto l’accurata organizzazione Filini, il nostro duo si è recato ad un rodeo.

Non si trattava di un rodeo “per turisti”, bensì di un rodeo vero e proprio, poiché era il rodeo di un paese, durante il quale c’è pure stata l’elezione della reginetta-cowgirl dell’anno. Mimetizzate quindi da texane con stivali e cappello, Paola e Isabella sono passate inosservate al rodeo e si sono potute godere indisturbate scene mai viste di lanci col lazo, prove di resistenza su tori e cavalli imbizzarriti e cose simili. Questa serata a Decatur, il paese dove avevano abbandonato lo sprovveduto vaccaro il giorno prima, è stata l’ultima dove le nostre finte cowboyesse, sono state un duo. Dal giorno successivo in poi, il nostro duo, che voleva restare duo, diventò però trio, in quanto Cody, annoiato dall’estate o incuriosito dalle straniere, si attaccò come un polipo alle ragazze. E grazie a questo improvviso affezzionamento (inizialmente non tanto gradito da Paola) le nostre turiste hanno avuto la possibilità di andare a visitare ben 2 ranch (foto 7, foto 8 ) di due amiche di Cody e, al contempo, di vivere un pò la vita vera del Texas: cavalcate,(foto 9, foto 10) chiacchierate campagnole... e persino uova di struzzo in omaggio. Era straordinario come questa gente non avesse mai visto uno straniero in vita propria! Sono stati davvero gentili e ospitali. Dopo questo scrocco, finalmente Paola ha cominciato ad apprezzare un pochino la presenza di Cody nelle nostre vite (anche perché sennò avremmo dovuto continuare a farci fare le foto e le riprese dagli scononosciuti...).

Certo, qualche disagio lo ha dovuto subire (Isabella ha vissuto questi disagi in maniera differente, si ammazzava dal ridere): quando si presentava puntuale aveva solo mezz’ora di ritardo, quando iniziava a parlare non finiva finchè non veniva interrotto, quando faceva le battute rideva da solo, ogni volta che si fermava da qualche parte perdeva sempre un sacco di tempo (o telefonava o comprava da mangiare qualche schifezza tra cui i suoi amati pezzi di beef secco puzzolenti in busta), quando si decideva a fare una cosa era sempre qualcosa di improponibile, non reale, campato in aria.. insomma, il nostro amico sconclusionato era un miscuglio dei difetti delle nostre beniamine elevato a potenza. Tutto sommato, quindi, ci si è trovati bene e ci siamo divertite (foto 11, foto 12, foto 13). Dopo aver conosciuto anche la mamma di Cody (soprannomina in seguito “cavallo irruente”) che si è unita al trio subito dopo, le giuovani donzelle si sono fatte una cultura sulle tribù indiane e sono state gentilmente invitate a tornare negli USA l’anno seguente, ospiti al ranch di famiglia di Cody che si trova in Wyoming. Ma questa è un’altra storia….

Pagine: 1, 2, 3







[Utenti collegati in questo momento: 97] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore