Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Dude Ranch - 7 giorni in Colorado


Sette giorni a cavallo

Volevo una vacanza diversa, con poco tempo a disposizione, e da solo. Una cosa attiva, organizzata ma non troppo, niente turismo di massa, senza piscine, spacci o tv. Per caso trovo in un fumetto l'idea, cerco in internet, spulcio, seleziono, decido e parto. Risultato? Incredibile, fantastico, molto superiore alle aspettative, una esperienza notevole (per me, almeno, mica ho i vostri vent'anni!).
Sono stato in un "dude ranch", il Laramie River Dude Ranch (www.lrranch.com).Si trova nel Colorado, vicino alla città di Laramie, Wyoming; il confine di stato passa lì vicino, ed è pure sede dell'università di stato. Sta su altipiano a 1600 metri di altezza lungo il corso del fiume Laramie, nel cuore del mitico far west.Allevano cavalli (72) e ospitano gruppi di non oltre 25 persone da aprile a settembre. L'ospitalità è eccezionale, ci tengono molto all'atmosfera di famiglia, simpatica e ospitale, coinvolgendo gli ospiti. Tra le attività disponibili ho apprezzato l'equitazione. La cucina è tradizionale e di altissimo livello. La professionalità degli operatori elevata. Prezzo? Circa 900 euro tutto compreso per una settimana (1400 circa in alta stagione). Più il viaggio, chiaro, altri 900 euro circa. Le tariffe variano, dipende anche dall'euro.

foto 1

Il racconto.

Dal ranch via mail mi mandano la lista delle cose indispensabili da portare (jeans e abiti a strati, di notte fa freddo), per il resto o non serve o ci pensano loro (stivaletti e cappello). Più un questionario dettagliato per conoscere le mie aspettative e soprattutto la mia esperienza equestre (nulla). Mando i dati della mia carta di creditoper fax (non via mail) per versare l'anticipo, e mi inviano subito la ricevuta. Buon segno. Via internet prenoto anche l'hotel a Laramie, vado al Motel 6, ottimo ed economico, ma senza navetta per l'aeroporto - prenotate per tempo in un altro albergo con navetta, oppure noleggiate un'auto a Denver. Altrimenti telefonate alle compagnie di taxi e accordatevi per farvi venire a prendere.


Parto venerdì mattina da Bologna, tappe a Monaco e Washington, atterro a Denver. Alle dieci di notte di venerdì un piccolobimotore con due file di posti che pare un autobus, due piloti professionalissimi, mi deposita, con altre 8 persone - due già in stivaletti e cappellone da cowboy - nel piccolo ed efficientissimo aeroporto di Laramie. Siamo già nell'ambiente: niente traffico, tutto semplice, efficiente e spazioso, strade larghissime. Mentre cerco di telefonare a un taxi - ma ci saranno qui a quest'ora? - uno dei passeggeri si offre di darmi un passaggio col suo pick-up per i 10 km fino al motel (10 km).Dal ranch verranno a prendermi alle 9 di domenica - nei ranch ci si sta o una settimana intera o mezza. Il sabato visito - a piedi - la città di Laramie. Bellissima, 25.000 abitanti più gli studenti, casette in legno graziose in periferia, in mattoni in centro. Bar caratteristici, uno western sicuramente non finto, negozi di materiale western dove compero subito i jeans wrangler cowboy cut, consigliati dal ranch per montare a cavallo (ed è vero) e una camicia a maniche lunghe robusta. Sempre su loro consiglio mi ero portato da casa dei pantaloncini da ciclista, rivelatisi poi miracolosi. Prezzi la metà che da noi, cortesia inusitata e professionalità da noi ignota. Girando per la città - macchinoni grandi e pick-up - trovo poche persone, gentili e cordiali. Un sacco di librerie di qualità, anche di usato - ma ordinato e ben tenuto. Non sembrano ricchi qui, ma lavorano tutti, e camminano senza fretta.

foto 2

Arrivo per caso al campus dell'università dello Wyoming, che sta qui, un altro mondo. Tra alberi, prati verdi e scoiattoli sorgono grandi edifici in pietra arancione tutti in stile. Non una scritta o una cartaccia, entro e vado dove voglio, nessuno mi disturba. Arrivo al centro studentesco, gestito da studenti: sembra un immenso salotto, con bar, aree di studio aperte, uno spaccio favoloso e una libreria da sogno. Uso una delle tante postazioni internet gratuite per comunicare con casa. Visito anche il piccolo museo di geologia, pieno di dinosauri - uno spettacolo. Ovviamente visito i pompieri locali, che mi accolgono al solito splendidamente (io sono anche pompiere). Domenica alle 14, con un minivan del ranch, arriva puntuale a prelevarmi un ragazzo, Andrew, in abiti appena spolverati alla buona, simpaticissimo: in un'ora mi porta al ranch lungo una strada, non asfaltata ma in ottime condizioni, che sale fino all'altopiano dove scorre il fiume Laramie e vedo i pascoli.

Si vede qualche ranch: mi dice che quello confinante a sud (3 km) alleva vitelli, quello a nord (4 km) bufali. Il cielo è blu scuro, il vento è asciutto e profumato di piante aromatiche, ovunque la prateria cespugliosa, lontano le cime di montagne rosse coperte di neve e boschi. Sulla strada passa un pick-up in media ogni due ore. Somiglia molto alla Sardegna. Parliamo di tante cose, mi aiuta a capire bene la lingua - non sono abituato all'inglese parlato. Lui è l'addetto ai lavoretti di ogni tipo, manutenzione, controllo recinti, e anche trasporto anche del letame; si è appena laureato e il mese prossimo parte per Washington a fare da assistente ad un noto senatore. Un bel cambio di vita, ma per lui pare normale. Qui nessuno si vergogna del proprio lavoro, qualunque esso sia.

foto 3

Mi conduce ad un gruppo di edifici in legno ben tenuti, con diversi recinti e capanni. Mi porta la valigia e mi guida in ufficio dove una ragazza, Becky, mi accoglie, mi porge una cartella col programma della settimana e l'elenco degli altri ospiti e degli operatori, poi mi mostra la mia camera con bagno (perfetti, pulitissimi, anche il bagno è decorato in legno, e sul comò un fiore e un vaso di biscotti freschi!), e poi mi mostra il resto. Posso mangiare quel che voglio quando voglio e andare ovunque tranne, per favore, in cucina e nella stalla principale; devo solo ricordarmi di richiudere i recinti, altrimenti gli animali fanno dei danni. Biscotti favolosi di giornata, frutta e bevande (solo gli alcolici ve li dovete portare) li fanno loro e sono sempre disponibili. Mi indica dove è esposto il foglio delle attività da scegliere per il giorno dopo. Mi segno per il corso base di equitazione, mai visto un cavallo io, ma proviamo, perchè no? Mal che vada mi farò delle gran passeggiate a piedi, i boschi, le montagne rosse e il fiume stanno lì fuori.


Pagine: 1, 2, 3







[Utenti collegati in questo momento: 87] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore