Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Viaggio negli Usa: dal 3 al 25 agosto 2001
Pagine:1,2, 3,4, 5, 6, 7, 8, 9, 10




5° giorno: martedì 7 agosto 2001: Elmira – Cascate del Niagara - Rochester

Dopo un po’ di ore di sauna ci alziamo e ci prepariamo per percorrere i chilometri che ci separano dalle cascate del Niagara. Purtroppo dobbiamo abbandonare la strada nr. 6 che prosegue verso Ovest e prendere la nr. 15 verso Nord. Dopo una trentina di chilometri (più o meno) lasciamo lo stato della Pennsylvania ed entriamo nello stato di New York. Arriviamo alle cascate appena dopo mezzogiorno. E’ inutile negare ma visti i numerosi giudizi negativi siamo un po’ prevenuti. Oltretutto quello che vediamo intorno è veramente troppo “americano”; attraversiamo infatti una miriade di alberghi, campeggi, locali vari, sembra di essere sulla riviera romagnola. Non ci sembra possibile poter rovinare in questo modo una meraviglia della natura. Fortunatamente le cascate sono invece molto belle. La portata d’acqua ed il salto sono veramente impressionanti. Queste bellezze naturali ci ripagano degli scempi visti in precedenza. Io e mia moglie (Simona 1) decidiamo di fare il giro in battello fino sotto le cascate, gli altri preferiscono una passeggiata nel parco. Torniamo completamente fradici; ma è stato veramente straordinario, abbiamo toccato con mano la potenza della natura. E’ stato indimenticabile, il nostro battello nel punto più vicino alle cascate è stato completamente coperto dall’acqua. Dopo esserci asciugati raggiungiamo i nostri compagni e, dopo un bel caffè e un po’ di riposo ci accingiamo a proseguire il nostro viaggio. Alessandro alla guida e Diego navigatore decidono di prendere la strada che costeggia il Lago Ontario. A vederlo si direbbe sia un mare tanto è grande. Ci dirigiamo verso Est ammirando un bellissimo tramonto. Sono questi i momenti più belli del viaggio; quando la natura ti regala grandi emozioni non vorresti essere da nessun’altra parte, e vivi questi momenti come irripetibili sicuro che ti rimarranno per sempre nel cuore. Dopo un paio d’ore (forse tre) quando ormai la notte è calata arriviamo a Rochester e cerchiamo un albergo dove trascorrere la notte. Ci fermiamo ad un Days hotel a ridosso dell’autostrada. E’ molto bello e confortevole. Ci voleva dopo l’ultima notte.
Siamo molto stanchi (come tutte le sere), compriamo qualche pizza da Pizza Hut che sbraniamo in albergo. Mangiare la pizza in America è molto pericoloso per degli Italiani; comunque provate quella di Pizza Hut, è abbastanza abbordabile. Andiamo a dormire sapendo che il giorno seguente sarà esclusivamente di spostamento. Dobbiamo arrivare a Boston (più di 800 chilometri), sarà una delle tappe più lunghe di tutto il viaggio. Ci addormentiamo pronti ad attraversare in un solo giorno quasi tutto lo stato di New York ed il Massachusetts.

6° giorno: mercoledì 8 agosto 2001; ROCHESTER – BOSTON.

La sveglia come al solito è prestissimo e implacabile. Usciti da Rochester prendiamo la Highway nr. 20 destinazione Boston. Questa parte dello stato di New York è bella , verde ma anche molto piatta. Lungo il tragitto attraversiamo alcune cittadine di provincia molto caratteristiche, e notiamo che a differenza dell’Italia qui non ci sono i cartelli indicanti il nome della città o del paese. Ci accorgiamo ben presto che purtroppo dobbiamo andare a prendere l’autostrada, altrimenti a Boston rischiamo di arrivarci il giorno dopo. L'autostrada nr. 90 è un lungo e noioso rettilineo che, passando dalla Capitale dello stato di New York (Albany) ci porterà fino a destinazione sulle rive dell’Atlantico. Ci fermiamo a mangiare in un autogrill, e ripartiamo cambiando autista; al posto mio si mette alla guida Diego pronto a mordere l’asfalto e a superare, come suo solito, i limiti di velocità. In auto cala il silenzio, tutti dormono distrutti dalla noia; io cerco di stare sveglio per fare compagnia all’autista, piuttosto sofferente.
Dopo alcune ore entriamo nello stato del Massachusetts e decidiamo di fare una sosta uscendo dall’autostrada. Ci fermiamo ad un Wendy, catena di gelaterie e snack vari. Il posto sembra uscire da un film di Walt Disney ed è pieno di famiglie con bambini. Tutta l’America è piena zeppa di posti come questo: Mcdonald’s, Burger king, Tacos bell, Frendly’s ecc…; un parcheggio enorme, un supermercato e un immancabile fast food. Sono la fotocopia uno dell’altro; qui tutto è standardizzato, e soprattutto è tutto concepito in funzione delle automobili. In questi posti arrivare a piedi è difficile e pericoloso. I discendenti dei gloriosi pionieri sembra che sappiano muoversi solo seduti nelle loro auto. Quindi dall’America aspettatevi molto dalle sue strade, dalla sua natura, dai suoi straordinari paesaggi, dalla sua storia anche se recente, ma se riuscite state lontani dalle grandi città e dalle autostrade. Cercate la vera America nelle piccole cittadine di province, nelle strade secondarie, nelle strade sterrate dei deserti dell’Ovest; questa America vi resterà dentro e vi farà venir voglia di ritornare.
Ripartiamo per Boston con il terzo autista alla guida, Alessandro, che, dopo aver dormito quasi tutto il giorno è perfettamente in forma e pronto a condurci a destinazione. Decidiamo di andare a dormire a Salem, il paese delle streghe a pochi chilometri da Boston. Arriviamo che è molto tardi (in America si mangia molto presto e alle 21 e già difficile trovare un posto che ancora dia da mangiare). Dopo aver cenato cerchiamo un motel e l’impresa si rileverà molto ardua. Finalmente all’ennesimo tentativo troviamo due camere in un Super 8 e, Alessandro, ormai sfinito e coi muscoli addominali e rettali distrutti si lancia verso il bagno; quando esce sembra un Highlander dopo un’epica battaglia.
Finalmente dopo una giornata di viaggio andiamo a dormire. Il giorno seguente visiteremo prima Salem e poi Boston, la città di Harvard.



Pagine:1,2, 3,4, 5, 6, 7, 8, 9, 10







[Utenti collegati in questo momento: 122] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore