Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

4000 miglia attraverso il New England
Pagine: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10


9 OTTOBRE – DOMENICA
Wrentham, MA - Albany, NY (180 ml)

Anche oggi pioviggina ma noi andiamo in giro per negozi. Appena aprono siamo già lì davanti. Quindi si comincia a spendere: Timberland, Levis, profumi. Come previsto trascorre parte delle mattinata. Dopo pranzo partiamo con destinazione Springfield la culla del basket. Qui visitiamo la “Basketball Hall of Fame” dove viene raccontata la storia di questo sport da quando venne inventato nel 1861 ai giorni nostri. Assistiamo anche ad una partita tra ragazzi. Riprendiamo il viaggio per procedere verso le Niagara Falls. A sera inoltrata arriviamo ad Albany la capitale dello stato di New York. Troviamo da dormire al Best Value Inn (78$), andiamo a fare un po’ di spesa e prepariamo la cena. Verifichiamo sulla carta la strada che c’è ancora da fare per arrivare a Niagara Falls. Praticamente dobbiamo attraversare in orizzontale lo stato di New York fino al confine con il Canada percorrendo interamente la I-90 (a pagamento) la stessa che abbiamo fatto fino a qui.

10 OTTOBRE – LUNEDI'
Albany, NY - Niagara Falls, Canada (315 ml)

Abbiamo molta strada da fare , almeno non piove, è solo nuvoloso. L’aria è freschina. All’ora di pranzo siamo quasi alla meta. Prima di Buffalo ci fermiamo per pranzare e all’autogrill c’è un mini Tourist Information dove chiediamo alcune informazioni e ci documentiamo. Io ho preso una cinnabon (pasta dolce con cannella) buonissima! Seguendo le indicazioni arriviamo a Niagara Falls, attraversiamo il Rainbow Bridge e siamo in Canada. Cerchiamo quindi subito da dormire e troviamo al Travel Lodge Near The Falls (75$). Sulla strada che porta alle cascate ci sono solo dei motel. Ci fermiamo al Travel Lodge scarichiamo i bagagli, ci vestiamo per bene e ci dirigiamo verso le cascate. Io rimango un po’ delusa in quanto hanno fatto di questo luogo un’attrazione commerciale con centri di divertimento e casinò che non hanno niente a che fare con la bellezza naturale delle cascate. Non poteva comunque essere diversamente. Arriviamo finalmente al fiume e lo spettacolo è grandioso. Molto tempo prima che arrivassero i turisti, qui vivevano gli indiani Seneca.

Nel 1678 i nativi guidarono il frate francese Louis Hennepin alle cascate; grazie alla sua descrizione del luogo – “L’Universo non ha un esempio simile” – la fama delle cascate giunse anche in Europa. Dal Queen Victoria Park si possono vedere le cascate nella loro vastità: sia quelle americane che quelle canadesi. Il grande romanziere vittoriano Charles Dickens le apostrofò con le parole “Qualsiasi cosa detta di questo luogo mirabile sarebbe mera sciocchezza. Sarebbe difficile per l’uomo stare più vicino a Dio di quanto non lo sia qui”. Ci avviciniamo sempre più alle cascate, proprio fino al punto in cui l’acqua si getta nel fiume. Sono immense ed è impressionante pensare la quantità di acqua che c’è. Dal bordo fa spavento! Ci sono molti turisti qualcuno parla anche italiano.

Al Tourist Information chiediamo qual è il modo migliore per visitare le cascate e ci consigliano la Maid of the Mist, una imbarcazione che dal 1876 porta i turisti fin sotto le Horseshoe Falls (canadesi). Assistiamo dall’alto l’impresa della Maid of the Mist e per il momento non siamo convinti di volerci andare. Rimaniamo ad osservarle a lungo facendo foto e riprese poi rientriamo in albergo (fa anche abbastanza freddo) per rifocillarci. Ritorniamo comunque dopo cena per vederle illuminate. Da terra degli enormi fari illuminano le cascate con fasci di luce di vari colori. A quest’ora c’è meno gente sarà per la temperatura! Rientriamo in albergo e di rito pensiamo già al programma di domani.

11 OTTOBRE – MARTEDI'
Niagara Falls, Canada - Albany, NY (315 ml)

Questa mattina rivisitiamo le cascate. Dopo vari ripensamenti decidiamo di fare il tour sulla barca e non ce ne pentiamo. Merita davvero. Ci si bagna un po' ma abbaimo gli impermeabili! All’ora di pranzo prendiamo una pizza (in una pizzeria con forno a legna) degna di essere chiamata tale poi torniamo verso Albany, dopo esserci fermati nel parco delle American Falls. Oggi pomeriggio è tutto di viaggio. Arriviamo a destinazione e prendiamo una stanza all‘Econo Lodge (67$). Ceniamo e poi decidiamo il da farsi anche se non è così semplice visto che le condizioni climatiche non ci sono di molto aiuto. Le previsioni dicono pioggia in tutto il New England.


Pagine: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10







[Utenti collegati in questo momento: 129] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore