Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Rosicchiando la grande mela


11 Marzo 2006 – 1° giorno

Dopo tanti preparativi finalmente è arrivato il momento di partire. Per il nostro viaggio negli USA abbiamo scelto di volare con Alitalia; volo a/r da Napoli con scalo a Milano è costato 600 € a testa (tariffa semi-flessibile). Abbiamo prenotato con un paio di mesi di anticipo ma abbiamo visto che i prezzi sono rimasti pressappoco gli stessi. Per fortuna il tempo in volo passa velocemente, ognuno di noi ha a disposizione un display per vedere film, ascoltare musica o cimentarsi con qualche videogioco (l’aereo è un Boing 777). In conclusione il viaggio è molto comodo, il servizio è impeccabile, insomma per ora tutto perfetto: complimenti ad Alitalia. In aereo compriamo la scheda telefonica internazionale Columbus, pagata 12€, che risultata poi molto conveniente.

Il disbrigo delle procedure per il visto e la dogana sono più veloci di quanto abbiamo sentito dire e, in meno di mezz’ora, siamo liberi di circolare per New York. Per arrivare in centro da JFK prendiamo l’AirTrain che ci collega alla metro per 5$ (pagati alla stazione di arrivo). Alle 16.00 siamo in albergo, il Gershwin (tra la 5 Avenue e la 27 Street), non male, solo un pochino fuori mano la sera per cenare, ma per 160€/notte in matrimoniale va benissimo così. In fin dei conti le camere sono spaziose, pulite e dotate di tutti i comfort, l’unica cosa che manca è il frigo in camera (magari d’estate è un problema). L’hotel ha un’ampia gamma di offerte che vanno dall’ostello alla suite. Ci sistemiamo al meglio e subito usciamo a mangiare una cosa veloce lì intorno, da Wendy un fast food molto diffuso da queste parti e poi subito a dormire.

12 Marzo 2006 – 2° giorno

Sveglia alle 3! Alle 6.30 di domenica mattina siamo già in giro (solo noi e qualche taxi), facciamo un giro a Times Square dove ci facciamo vedere da alcuni amici attraverso una webcam posta per strada (http://www.earthcam.com/usa/newyork/ timessquare/index.php? cam=4&display=flash). Facciamo un primo giro a Central Park, si vedono ancora gli effetti di un freddo intenso di qualche giorno prima: c’è ancora della neve ai lati della strada. Vediamo dei bambini che giocano ad hocky su ghiaccio, con tanto di arbitro e i loro genitori sugli spalti: molto carino. Ed ora è il momento di andare all’Abyssinian Baptist Church ad Harlem dove speriamo di partecipare ad una delle loro celebrazioni. Il quartiere effettivamente non è un granché e non è molto rassicurante. Oggi c’e una celebrazione particolare: il “women’s day”. Ci hanno detto che non faranno entrate tutti, ma, dopo una lunghissima fila sotto la pioggia, finalmente entriamo. Meno male che ci siamo riusciti, la celebrazione è talmente particolare che vale la pena di parteciparvi.

Il pomeriggio andiamo da B&H Photovideo che vende di tutto di più di elettronica e strumentazione fotografica a prezzi buoni e sono organizzati molto bene. Il negozio è chiuso il sabato e il venerdì fa mezza giornata dato che è gestito da personale di religione ebraica. È interessante vedere i nastri trasportatori che portano gli articoli acquistati al punto di consegna. Noi abbiamo comprato una chiave USB da 1 GB della Sandisk per 54 $ + tax e un esposimetro usato Minolta IVf in ottime condizioni per 149 $ + tax. Fate attenzione: i prezzi esposti in tutti i negozi (inclusi i menù del ristorante) sono sempre senza tasse. Ancora non siamo del tutto distrutti e troviamo il tempo di andare anche da Macy: “il più grande centro commerciale del mondo” o almeno così dicono loro. In effetti vende di tutto di più ed è veramente grande, tanto che non riusciamo a vederlo tutto.

13 Marzo 2006 – 3° giorno

Sempre per colpa del fuso orario, anche questa mattina alle 6.30 siamo già in giro. Per prima cosa facciamo un giro per il Battery park che è pieno di scoiattoli. Da qui prendiamo il traghetto per Staten Island, è gratuito ed è collegato alla metro, molto comodo. Dal traghetto si vede la statua della libertà. Su suggerimento di alcuni amici, abbiamo deciso di non andare a visitarla dall’interno e siamo contenti così. Purtroppo però il tempo non è molto buono e anche dal traghetto non si vede troppo bene, ma avremo modo di apprezzarla più in là. Il resto della mattinata abbiamo la fortuna di trascorrerlo al New York Police Department, 1st Precinct per fare denuncia dello smarrimento del portafogli e del relativo contenuto: è proprio come nei telefilm! Sbrigate le formalità al NYPD e assicuratici che le carte di credito siano bloccate, decidiamo di rilassarci e di non pensare troppo all’ accaduto. Così andiamo un po’ in giro per Soho (nulla a che vedere con l’omonimo londinese), è un quartiere pieno di negozi spesso stravaganti e un po’ alternativi ma molto molto carini: da vedere. È un buon posto per fare shopping, noi ad esempio abbiamo comprato jeans Levi’s a prezzi eccezionali (da 20 a 30 dollari + tax).

Per il pranzo restiamo in zona e ci fermiamo da Balthazar, sulla Spring Avenue, un posto un po’ caro ma abbastanza carino, è particolarmente indicato per gli amanti del vino ma non solo, e poi c’è un atmosfera piacevole. A questo punto ci avviamo verso il ponte di Manhattan di cui ammiriamo e percorriamo solo la parte iniziale, e poi ci dirigiamo su quello di Brooklyn che attraversiamo tutto a piedi. È un po’ lungo ma ne vale la pena, siamo partiti dal lato di Booklyn per arrivare a Manhattan. Siamo verso il tramonto e i colori della skyline sono particolarmente belli. È impressionante la dimensione del complesso “the watch tower” dei testimoni di Geova formato da sei o più palazzi che si vede del ponte. Alla fine del ponte siamo arrivati d’avanti alla City Hall (il municipio). Di fronte alla City Hall c’è J&R un negozio che su molti siti, e anche sulla nostra guida, è pubblicizzato come un ottimo negozio per acquisti di elettronica, noi invece lo abbiamo trovato mediocre e poco assortito rispetto a B&H Photovideo visitato il giorno prima.

 


Pagine: 1, 2, 3







[Utenti collegati in questo momento: 123] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore