Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Un weekend a New York
Pagine: 1, 2


9 Marzo 2001, Manhattan, New York

Andare a New York per due giorni è mezzo è sicuramente una pazzia, ma quando Gabriele ci ha chiesto di accompagnarlo per rivedere la sua amata Eleonora, che ora lavora negli States, non abbiamo resistito. Carla ci tornava dopo dieci anni, per me era la prima volta, e se anche fosse stato per mezza giornata, sarei partito. Così, scovato un volo low fare (a marzo, se non c'è la Pasqua, si paga pochissimo) siamo partiti venerdi 9 marzo alla volta di New York, via Bruxelles. Siamo giunti nel primo pomeriggio (per il fuso abbiamo guadagnato 6 ore) e trovata Eleonora, ci siamo subito portati a Manhattan.

Siti interessanti:
1 - Offerte voli per gli USA eDreams
2 - Sviluppo foto digitali su carta professionale Kodak
3 - Yahoo!, per cercare tra siti italiani e americani
4 - Noleggio auto SIXT per USA e resto del mondo, SIXTI se noleggi in Italia

Fa uno strano effetto, New York. Anche se non ci mai stato. non ti sembra una città sconosciuta... Si, questo è il parco dove E. Murphy fa il monco in "Una poltrona per due", questo è il set di "Una colazione da Tiffany", qui... Insomma, ogni angolo sembra un "deja-vu"... Inoltre, Carla si sorprende moltissimo perchè è non solo pulita, ma da l'idea (impensabile dieci anni fa) di una città "sicura": niente "homeless", vagabondi o facce poco raccomandabili. Inoltre, lo stereotipo di americano obeso qui non esiste: sono (nella media) abbastanza in forma.

Abbiamo alloggiato nei pressi del "ferro da stiro", sulla 25ma Ovest angolo Quinta e Broadway, a metà strada fra il Central Park e le Torri Gemelle (il World Trade Center) e decidiamo di fare due passi sulla Quinta strada. Così, passiamo molto tempo dentro un negozio di abbigliamento molto "trend" (che da noi non ha ancora aperto i battenti), poi una doverosa visita ai "vitamin shoppe" dove facciamo, anche qui, acquisti. Fa freddo, ma la giornata è incantevole, e alla faccia delle previsioni pessimistiche (parlavano di mezzo metro di neve) non sono caduti che una decina di centimetri di neve, subito sciolta (mercoledi). Così, verso sera, stanchi un po' del viaggio, un po' della passeggiata ci infiliamo un ristorante (Heartland Brewery, in Union Square) a mangiare. Bisteccona, naturalmente. Alla newyorkese, con il pomodoro. 4 etti di carne, tenerissima e saporitissima (ma carissima). Alla faccia della Mucca Pazza europea! Ritornando verso l'alloggio, confermiamo l' impressione di città sicura (rimane il dubbio di DOVE siano gli homeless, vagabondi ecc., visto che anche il Bronx e Harlem sembra siano stati "risanati")


10 marzo 2001, Manhattan, New York

Ci svegliamo di prima mattina, per assaporare in toto questo week-end americano. La colazione la consumiamo in un posto che sa molto di fritto, ma i "bagels" (ciambelle newyorkesi imbottite o di formaggio o di crema) sono eccellenti, così come il mezzo litro di caffè che il latte rende delizioso...Oggi puntiamo ai luoghi classici, newyorkesi: il Madison Square Garden, dove giocano i Knicks (tutto esaurito, però, per la partitissima con Miami) e i Rangers, squadra di hockey, non particolarmente forte. Nei pressi, tra la Quinta e la Sesta strada, c'è l'Empire State Building, dalla cui sommità (a pagamento) si gode il panorama di tutta New York. La vista è di 10 miglia (16 km, più o meno) ed è favolosa. Ma che freddo! è anche un grattacielo di uffici (in totale sono 86 piani), e c'è la guida per trovare il proprio.

Tornati con i piedi per terra, ci incamminiamo verso Central Park, e dopo una rapida visita alla New York Public Library (3 piani di biblioteca, con sale di consultazioni enormi, mostre e l'immancabile shop), visitiamo Saint Patrick's, incastonata (o soffocata) tra grattacieli. Poi il Rockfeller Center, con la pista di pattinaggio, più piccola di quanto appaia in tv (o nei film), gli studi della NBC, ed il Moma, il Modern Museum of Art, uno dei  musei da non perdere. Si, perchè nelle varie sale si trovano Picasso, Monet, Van Gogh, Dalì, De Chirico, Matisse, Cezanne, Gauguin, per citarne alcuni.

E ancora, prima di arrivare al parco, i classici tombini fumanti, Tiffany & Co., ed un mega store di giocattoli F.A.O. Schwarz, 2 piani di goduria per bambini, grandi e piccoli. E finalmente Central Park, con una quiete surreale, circondato com'è da grattacieli. Scoiattoli, jogger e bikers sono gli abitanti di quest'isola di verde immensa, 340 ettari, per la precisione. Passando per Times Square, al ritorno decidiamo che un musical non si possa perdere, Broadway, in fondo, è conosciuta per questo. Così ci mettiamo in fila per ottenere un biglietto a metà prezzo (c'e una specie di biglietteria allo scopo, nel mezzo della piazza) per gli spettacoli del giorno. Puntiamo sul sicuro: Riverdance, uno spettacolo di danze e canti celtici molto coinvolgenti. Noi lo abbiamo già visto (sia dal vivo sia in cassetta) ma non ci stancheremmo mai di vederlo. Il Teatro è il Gershwin, e fino a luglio terrà spettacoli, ogni giorno (saranno anche a Milano, a fine maggio, il consiglio è di andarli a vedere, sono uno spettacolo fantastico).

Oggi abbiamo anche preso la metropolitana, e seppure a fatica (non è immediato, il meccanismo delle fermate e dei biglietti) siamo riusciti ad arrivare sia al teatro sia a ritornare all'alloggio, dopo un'altra mega bisteccona da Friday, meno buona, però, di quella di venerdi, ma sempre carissima. Purtroppo, non è che mangiare per gli americani sia costoso, lo è per noi, poichè 35 dollari per una bistecca (e contorni) non sono tante, ma con il dollaro a 2100 (e più) si. ma ne vale assolutamente la pena!


Pagine: 1, 2





[Utenti collegati in questo momento: 113] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore