Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Il fascino del Sud Ovest


Resta ancora oggi un segreto come si chiamassero in origine. Centinaia di anni dopo la loro scomparsa è stato dato loro il nome Anasazi, i primitivi. Contemporanei dell'imperatore Barbarossa e di Riccardo Cuor di Leone, Di S.Francesco d'Assisi e di Gengiz Khan, vissero in un continente che, fino ad allora, era conosciuto solo ai Vichinghi; sarebbero ancora dovuti trascorrere 300 anni prima della scoperta "ufficiale" dell'America a opera del genovese Cristoforo Colombo.

Durante il XII e il XIII secolo la cosiddetta Four Corner Region fu teatro di un periodo aureo di questa civiltà indiana, documentata ancor oggi, ben 700 anni dopo, dalle abitazioni nella roccia di Mesa Verde nel Colorado, di Betatkin, Keet Seel, dalla Inscription House in Arizona e da molte altre rovine nel Sud Ovest. Alcune di queste "cliff dwellings" (case nella roccia) sono così a picco che gli indiani, per accedere alle loro abitazioni, dovevano aiutarsi con paletti e appigli conficcati nella roccia.

Ed ecco il territorio; zone desertiche con immense distese di cactus, labirinti di canyon talmente intricati, che mai nessun uomo ha potuto metterci piede, vette che fanno da sfondo ai più violenti temporali estivi. Valli di arenaria erose simili a scenari tratti da film di fantascienza, sovrastati da un cielo notturno lucente, quasi a portata di mano, in cui già John Steinbeck credeva di toccare le stelle con un dito.

Comunemente nelle descrizioni di viaggi, si parla del Sud Ovest come della "Terra delle meraviglie naturali", ma non si può racchiudere in una simile definizione la bellezza del Colorado River, dell'Arches National Park e degli gnomi di pietra della Goblin Valley.

L'uomo bianco non gradisce molto il modo di esprimersi sentimentale degli indiani. "Terre dei cuori pulsanti" si potrebbe altrimenti chiamarli, quei punti inconfondibili del Sud Ovest dai quali si possono ammirare paesaggi da mozzafiato. L'Inspiration Point nel Bryce Canyon e l'Hopi Point sul versante meridionale del Grand Canyon sono dei luoghi veramente incantevoli, come il Dead Horse Point nel Canyonlands National Park e la notissima Monument Valley con i suoi imponenti torrioni di roccia, le sue pareti ripide, i pilastri di arenaria e i cumuli di macerie rosse che fanno pensare ai resti di un'antichissima città fiabesca.

Il fatto che nel Sud Ovest si presentino, in un sol colpo, a dozzine, paesaggi così spettacolari, lascia intuire quale sia la particolarità di questa regione, che più di ogni altra parte del Nuovo Mondo risponde allo slogan "Il Fascino Dell'America". Ma in cosa consiste realmente questa magia a cui nessuno riesce a sottrarsi? Nello scenario paesaggistico di canyons forgiati da forze primordiali, di dune pietrificate, di desolati deserti e immensi laghi salati? Nella varietà delle condizioni climatiche e della vegetazione, con distese di cactus bruciate dal sole e prati fioriti ai margini di superfici nevose? Nelle abitazioni di roccia degli Anasazi, che sembrano aggrappate alle pareti scoscese del Canyon de Chelly? O forse si può rintracciare questo fascino lungo le interminabili highways, che partono da lontano, oltre l'orizzonte, e sembrano non avere mai fine?


Foto
  • Dead Horse Point - Dead Horse Point State Park - Il punto in cui si incrociano il Green River e il San Juan River - Utah, 1994.
  • Delicate Arch - Arches National Park - Utah, 1994. Dopo un paio di km a piedi si può raggiungere questo capolavoro della natura..consiglio la passeggiata nel tardo pomeriggio in modo da poter vedere il tramonto..che da lassù è eccezzionale.
  • Girl on the Abyss - Grand Canyon National Park - West Rim - Arizona, 2000 - La foto è stata scattata lungo il trail che porta giù nel canyon.
  • Inspiration Point - Bryce Canyon National Park - Utah, 1994 - La foto è stata scattata dall'omonimo overlook.
  • Luci ed ombre - Tumacacori National Monument - Arizona, 2000 - questo monumento si trova a metà strada tra Tucson e Nogales.
  • Monument - Monument Tribal Park - Utah, Arizona 1994.
  • Rainbow Bridge - Lake Powell/Glen Canyon Recreation Area - Utah, 1994 - Questo splendido ponte naturale, si trova in una zona impervia del Lake Powell, ed è raggiungibile con un tour in battello oppure a piedi con un lungo trail..come nel mio caso.
  • Solitary Tree - Grand Canyon - Arizona, 1994.
  • Sturgees Rally at Devil's Tower - Devil's Tower National Monument - Wyoming, 1999 -Il primo monumento nazionale degli Usa, location del film incontri ravvicinati del 3° tipo.
  • The squirrell lunch - Grand Canyon - Arizona, 1996 - Uno degli "abitanti" del canyon.






[Utenti collegati in questo momento: 140] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore