Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non pi aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Da Phoenix al Grand Canyon


Penso sinceramente che chiunque abbia già sentito parlare in vita sua del Grand Canyon, e sono pronto a scommetere che non sono pochi coloro che leggeranno questa pagina che abbiano almeno una volta desiderato di visitarlo, anche solo per il gusto di poter dire d'esserci stati.

Il Grand Canyon non resta vicino a nessuna grossa città, ed è quindi impossibili volare direttamente nei pressi dello stesso partendo dall'Europa. Bisogna forzatamente utilizzare come meta intermedia la città di Phoenix, Arizona, crocevia della maggior parte del traffico aereo del Sud Ovest degli States.

Phoenix, proprio come il nome stesso della città dice, è una città che è stata distrutta dal fuoco all'inizio del secolo, e che è in seguito risorta dalle sue ceneri, ancora più sfavillante e splendida che prima della distruzione. Al giorno d'oggi, Phoenix è una città molto vasta, che copre una superficie piuttosto grande, ed è sede di alcune delle principali multinazionali nel campo dell'elettronica del consumo.

L'arrivo a Phoenix può rivelarsi piuttosto traumatico per il viaggiatore Europeo. Per tutto il viaggio in aereo si viene cullati dall'aria condizionata - in aeroporto alla partenza, sull'aereo e di nuovo all'aeroporto d'arrivo. Il vero problema sorge nel momento stesso in cui tutte le formalità doganali sono state disbrigate, si hanno recuperato i bagagli e per la prima volta si oltrepassano le porte automatiche in vetro che delimitano la zona del ritiro bagagli dal mondo esterno all'aeroporto.

Lo sbalzo di temperatura, in estate, è imponente : si passa nella frazione di un secondo dai temperati 18 gradi degli ambienti climatizzati ad una temperatura esterna, all'ombra, che tocca quotidianamente i 40 gradi già alle 11 del mattino. Lo shock è terrible, e non stupitevi se per i primi 2 minuti avrete qualche difficoltà a respirare o anche solo a mettere in fila le idee nel modo corretto: capita a tutti a 40 centigradi.

Per eseguire questo itinerario dovrete assolutamente noleggiare una vettura, in quanto sarebbe impossible utilizzare i mezzi pubblici durante due settimane per poter effettuare tutti gli spostamenti del caso. Mi raccomando, calcolate che in questo tour è spesso facile che dobbiate percorrere in un giorno diverse centinaia di chilometri attraverso il nulla, e per tale motivo condiglio vivamente di prendere a noleggio un furgone Minivan. La spesa iniziale verrà presto ricompensata da una maggior disponibilità di spazio che i vostri passeggeri apprezzeranno moltissimo per poter schiacciare un pisolino durante le lunghe trasferte e di cui vi saranno grati.

Inoltre, due settimane a spasso per il deserto implicano la quasi assoluta necessità di sempre avere a disposizione qualche cosa da bere. Per ciò che mi concerne, ho sempre ovviato a questo problema effettuando un piccolo "shopping preventivo". Recatevi nel primo Wal Mart o Sears (due grosse catene di supermercati USA) ed acquistate una borsa frigorifera delle dimensioni necessarie a contenere almeno due lattine ed un frutto fresco per ogni componente del viaggio, nonchè la necessaria dose di ghiaccio per la giornata.

Sono venti dollari veramente ben spesi: mnalgrado l'aria condizionata sempre accesa e disponibile, il clima estremamemte secco e caldo del deserto v'impone d'ingerire almeno due litri di liquidi al giorno per persona. Fermarvi in continuazione ad un bar o un ristorante non è possibile vista l'enorme perdita di tempo, l'impossibilità di trovare da bere dappertutto, e non da ultimo quello che vi verrebbe a costare fermarvi a bere al ristorante ogni due ore.

Qualunque negozio o distributore di benzina del Sud Ovest vende i famosi sacchetti di ghiaccio che avrete sicuramente notato nei vari film e telefilm, al modico prezzo di un dollaro per 5 chili di ghiaccio. Ogni mattina, prima di partire, scolate l'acqua accumulatasi dallo scioglimento del ghiaccio dfel giorno precedente, comperate un sacchetto di ghiaccio al distributore al quale vi fermate a fare benzina, e vsersatelo nella frigoborsa. Metteteci poi dentro bottiglie d'acqua minerale, Coca Cola, e qualunque altra bevanda, e non dimenicate un paio di mele, ed eccovi pronti ad affrontare le zone desertiche dell'Arizona e del Nevada.

Questo itinerario si basa preponderantemente sulla natura, e quindi non ci si ferma a dormire a Phoenix, ma si parte immediatamente in autostrada in direzione di Flagstaff, La nostra meta per la vostra prima giornata di viaggio. Uscendo dall'aeroporto, imboccate l'autostrada 17 direzione Nord (credo che all'aeroporto è prima indicata come 17 East e dopo due miglia diventa 17 Nord) e percorretela guardandovi intorno meravigliati - eccetto il conducente, che è meglio se guarda la strada - fino a qaundo, dopo un paio d'ore, giungerete alla deviazione per la statale 179 Nord. Imboccate la 179 Nord e proseguite fino a giungere a Sedona.


Pagine: 1, 2





[Utenti collegati in questo momento: 130] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore