Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

La resa dei conti, ovvero: fare esami alla BU


Prima di partire, dopo aver scelto i corsi da frequentare, è bene fare compilare dai vari docenti che hanno dato la loro disponibilità a farvi fare il loro esame a Boston un foglio firmato, scrivendo il nome del corso, il corrispettivo esame della BU e quanto, in percentuale, il professore ritenga equivalente il suo esame a quello americano. è necessario mostrare al professore il programma del corso offerto dalla BU, che è possibile trovare sul sito dell’Università (www.bu.edu).Così facendo si sa già se al ritorno bisognerà fare qualche tipo di integrazione oppure se l’esame viene riconosciuto al 100%.Se il professore italiano ritenesse insufficiente la documentazione trovata sul sito, è sempre possibile mettersi in contatto via e-mail con il docente di Boston e richiedere le informazioni necessarie, poiché essi, a differenza dei docenti patavini, sono molto disponibili con gli studenti. Inoltre sono persone con straetto contatto con il mondo del lavoro. Non esitate a rivolgervi a loro per chieder consigli e opportunità per i vostri studi!

Fate attenzione a che non ci siano sovrapposizioni di orari: i corsi sono a frequenza obbligatoria e anche le presenze costituiscono una percentuale, per quanto minima, del vostro voto finale.

Potete frequentare quanti corsi volete e nel College che volete: in quanto XRG (studenti di scambio) non ci sono limitazioni sui corsi, anche nelle scuole come il College of Communication e la School of Management. Basta raggiungerei 12 crediti (tre corsi, ma vedi anche la sezione Fare sport in campus) senza tetto massimo di 18 crediti coem accade invece agli americani.

Gli esami americani non sono come quelli italiani: sono tutti scritti e sono “spezzati” in innumerevoli tesine e compitini durante il corso. Spesso vi sarà chiesto un paper (tesina) o un project (ricerca) conclusivo per applicare le nozioni apprese. Dovrete avere particolare cura della veste tipografica dei vostri compiti a casa: nel caso degli homework, si può dire che anche l’abito fa il monaco! Se usate qualche testo di riferimento, citatelo sempre con la massima precisione. Gli americani sono ossessionati dal plagiarism, cioè dal plagio, e se vi beccano vi cacciano via dal corso con ignominia. Allo stesso modo, non copiate durante i compiti in classe: è la cosa più vergognosa che uno studente possa commettere e si rischiano serissimi guai. Se avete problemi di comprensione rivolgetevi al professore stesso, via e-mail o di persona. Come già detto, i professori sono disponibilissimi e al vostro servizio. Ricordate che alla Mugar Library ci sono diversi dizionari Inglese-italiano e il prezioso Webster, dizionario enciclopedico americano. A proposito: se scoprite che un corso non è di vostro gradimento o che non è come ve lo aspettavate, potete lasciarlo ( drop) entro un paio di settimane dall’inizio. Allo stesso modo se scoprite corsi che vi interessano e di cui ignoravate l’esistenza, potete aggiungerli al vostro carnet di corsi a patto che il professore sia d’accordo. Molti corsi, essendo overcrowded (superaffollati), vi respingeranno se non vi eravate preiscritti...Meglio dunque muoversi per tempo.

Un’ultima cosa: in tutto questo il computer sarà vostro amico fedele. Al COM (College of Communication) ci sono ottimi computer al primo piano (vedi anche Occhio Alle opportunità). Se avete un portatile, prendetelo con voi e non dimenticate di prendere la presa americana per alimentarlo.

Al 111 di Cummington Avenue c’e’ inoltre una grande sala con un centinaio di computer: la sala e’ accessibile 24 ore su 24 escluse venerdi e Sabato notte. Per chi non avesse un computer portatile (come tutti gli americani) andare in lab d’informatica e’ una priorità assoluta.






[Utenti collegati in questo momento: 57] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore