Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Money money, ovvero...


Banche e carte di credito
Gli Stati Uniti sono uno dei Paesi al mondo in cui la carta di credito viene utilizzata più di qualsiasi altro tipo di pagamento. Nonostante ciò, una volta a Boston vi troverete a dover saldare i conti con la Boston University, la quale non accetta alcun pagamento tramite carte di credito, bensì in qualsiasi altro modo. Un metodo facile e sicuro per trasportare i soldi negli Stati Uniti è tramite i Traveller’s Cheques. Negli U.S.A. i suddetti vengono utilizzati e accettati facilmente come assegni in qualsiasi negozio o ufficio senza dovere essere cambiati in banca. Inoltre, i Traveller’s Cheques sono sicuri e rimborsabili in 24 ore in caso di smarrimento. Rivolgetevi alla vostra banca per comprarli.

Per chi non avesse a disposizione una carta di credito da portare con sé per le future spese, non c’è nessun problema. Arrivati a Boston è possibile aprire un conto per studenti, a costo zero, che vi rilascia automaticamente carta di credito, bancomat e libretto di assegni. La carta di credito non ha costi aggiuntivi e neppure spese all’utilizzo (e potete addirittura utilizzarla per comprarvi solo un gelato!): in questo modo potrete viaggiare sempre sicuri senza troppi soldi in tasca con la paura di perderli! Sarà poi facile per i vostri genitori, o chi per essi, inviarvi soldi tramite bonifico bancario. Le banche vicino alla Boston University sono molte a c’è solo l’imbarazzo della scelta, è importante però farsi dare un elenco delle banche a Boston “affiliate” alla propria banca, in Italia, per avere un costo minimo nei bonifici.

All’interno della Boston University, con un ufficio e diversi sportelli, c’è la Fleet Bank, che ha il vantaggio della comodità. Non lontano, in Kenmore Square, c’è anche la City Bank: vedete e giudicate quella che fa al caso vostro.

Ricordatevi di chiudere il conto prima di tornare a casa! Un metodo pratico e semplice per farlo se avete poco tempo è questo: raggiungere sul conto una somma multipla di 20$ (versando al volo quello che manca) e prelevare tutto. In questo modo il vostro conto ammonta a 0$ e la banca automaticamente lo chiude. State attenti però a non fare spese con carta di credito giorni prima: il rendiconto infatto potrebbe arrivare dopo che voi avete già prelevato tutto, e in questo modo la banca vi riapre il conto e vi addebita per il disturbo 25 dollaroni!


Risparmi e risparmietti

I libri di testo

I libri di testo negli Stati Uniti sono molto costosi (si arriva anche a 115 dollari per un libro per l’esame di Scienza delle Costruzioni), ma ci sono varie possibilità per risparmiare. Innanzi tutto da Barnes & Noble (fornitore ufficiale dei libri di testo della Boston University) c’è la possibilità di comprare libri usati in buone condizioni e a prezzi inferiori. In questo caso essere in prima fila per il libro usato quando apre il negozio, perche’ finiscono subito. Seconda cosa da sapere è che a fine anno i libri si possono rivendere a Barnes & Nobles, sempre se non sottolineati ed in buone condizioni. Altro vantaggio di Barnes & Noble è che se il libro che avete comprato non vi piace o non è quello giusto, avete tempo due mesi per restituirlo e ricevere l’intera somma di denaro versata per l’acquisto (quindi non buttate mai via le ricevute, fino alla fine!).

Secondo metodo per risparmiare è quello di ordinare i libri via Internet (ci sono un sacco di siti che si occupano di questo, uno è www.varsitybooks.com, un altro www.bestbookbuys.com dove comprare libri usati e fare la comparazione tra i prezzi dei testi per negozio) con il quale si riesce a risparmiare anche il 50% su libri nuovi. Solitamente i libri vengono recapitati al vostro indirizzo, presso la Boston University, nel giro di una settimana. Ricordate, comunque, che questi ordini via Internet devono essere effettuati mediante carta di credito (generalmente negli Stati Uniti non si hanno inconvenienti nell’utilizzare la carta di credito via Internet, è sicuro!).

Varie ed eventuali

Per quaderni e cartolibreria varia, shampoo, dentifricio, fazzoletti e altri generi di seconda necessità, non rivolgetevi ai Campus Convenience, i negozietti-emporio all'‘interno del campus: sono tutto fuorchè convenienti! Optate piuttosto per il CVS, supermercato in Commonwealth Avenue dall‘altro lato del GSU, e , per gli alimentari, lo Star Market in fondo a Commonwealth Avenue dopo il Nickerson Field, in direzione Ovest.

Vestiti

Periodicamente i Grandi Magazzini, come Macy’s e Filene’s, alla fermata di Downtown Crossing fanno svendite. In particolare l’interrato (basement) di Filene’s ha sempre sconti appetitosi. Si possono trovare buoni capi a prezzi convenienti. State all’occhio dunque alle offerte. Anche Barnes and Noble periodicamente ribassa alcuni capi di abbigliamento firmati BU. Per il resto i negozi di Boston sono molto cari: se avete bisogno di un cuscino andate al CVS. Per le lenzuola, rivolgetevi a Marshall’s in Boylston Street all’ultimo piano. Asciugamani a buon prezzo li trovate da Barnes and Noble.






[Utenti collegati in questo momento: 63] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore