Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non pi aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Il selvaggio West


La leggenda del Wild West poggia su storie disperate di pistoleri e ladri di bestiame, di fuorilegge e di rapinatori di treni. Spesso la distinzione tra buoni e cattivi era soggetta a rapidi cambiamenti: quello che in uno stato era un delinquente incallito in un altro poteva anche diventare sceriffo. In molte città minerarie che continuamente spuntavano come funghi, dalla sera alla mattina, spesso c'erano più bordelli e saloon che case. Non di rado minatori che avevano fatto fortuna e che arrivavano in città in cera di risse, sesso e alcool si facevano ripulire le tasche dai giocatori professionisti. E' dunque facile immaginare che la legge e l'ordine pubblico furono praticamente inesistenti in molte parti del sudovest nell'ultima parte dell' 800.

Tra le più leggendarie figuro del sudovest figurano certamente Billy the Kid e Pat Garret, che ebbero parte nella famosa guerra della contea Lincoln nel New Mexico, verso la fine degli anni 70' dell'800. Nel corso della sua breve carriera di pistolero Billy the Kid uccise più di 20 uomini, finché fu a sua volta ucciso da Garret.

Nel 1881 Wyatt Earp, insieme ai fratelli Virgil e Morgan e a Doc Holliday, uccise Billy Clanton e i fratelli McLaury nel corso di una violenta sparatoria all'OK di Corral di Tombstone che durò meno di un minuto.
I due gruppi si accusavano vicendevolmente di un furto di bestiame, ma la verità non si seppe mai. A Tombstone, cittadina che consiglio vivamente di visitare, ancor'oggi hanno luogo ricostruzioni di quell'episodio.

In effetti le ricostruzioni di questo tipo sono il massimo che si può chiedere per cercare di rivivere, seppur per pochi minuti, le atmosfere di quei tempi senza legge, in molte città e paesi del sudovest vengono spesso organizzate in occasione di varie manifestazioni. I vecchi Tucson Movie Studios alle porte di Tucson sono un buon posto per assistere a qualche quadretto di vita del "Wilde West".

Un episodio di cui non si vede mai la ricostruzione certamente l'impiccagione di Black Jack Ketchum, famoso rapinatore di treni, che ebbe luogo a Clayton bel 1901; per un errore del boia al condannato venne staccata di netto la testa.

Altri due nomi indissolubilmente legati al sudovest sono Butch Cassidy e Sundance Kid, che girovagarono per gran parte dello Utah e in altre zone del West. Cassidy, che era un mormone, durante gli anni 90 del secolo scorso rapinò diversi treni e banche insieme alla sua banda, chiamata Wild Bunch, ma non uccise mai nessuno.

Verso la fine del secolo una certa parvenza di ordine e legalità giunse anche nel sudovest, segnando la fine dell'epoca dei banditi e dei pistoleri.


Il rodeo

Il rodeo, termine di origine spagnola stante a significare "recinto" oppure "circuito", fece la sua comparsa nel vecchio west assieme all'arrivo dei primi Cowboy, i quali erano soliti affermare che "non mai esistito cavallo che fosse impossibile cavalcare ne cavaliere impossibile disarcionare". Era dunque inevitabile che i Cowboy iniziassero a fare a gara per vedere chi fosse tra di loro il migliore in groppa a cavalli semiselvaggi. Nacquero inoltre gare di velocità a legare un vitello con il lazo.

Il rodeo così come noi lo conosciamo ebbe inizio negli anni 80 del secolo scorso. Il primo rodeo con premi in denaro per i vincitori ebbe luogo nel 1883, mentre a Prescott, in Arizona, nel 1888 per la prima volta gli spettatori dovettero pagare per poter entrare.
Da allora il rodeo diventato uno sport per spettatori e praticanti, sotto gli auspici della Professional Rodeo Cowboys Association (PRCA). Malgrado il fatto che si tratti di uno sport professionistico non sono molti i Cowboys che riescono a guadagnare quanto gli atleti di altre discipline.

Quando si assiste per la prima volta ad un rodeo si resta sempre colpiti dallo spettacolo eccitante e dai capitomboli, ma si ha forse qualche problema a capire i meccanismi della gara.
Nell'arena di gara i principali protagonisti sono i Cowboy, le Cowgirl, i giudici di gara (che sono spesso ex concorrenti di rodeo) e i Clown.
Le esibizioni dei Clown sono comiche, ma essi in realtà hanno il compito di aiutare i Cowboys a tirarsi fuori dai guai quando succede qualcosa. Durante il bull riding il ruolo dei Clown importante sopratutto se il Cowboy viene disarcionato: essi si portano davanti al toro per cercare di distrarlo mentre il malcapitato si porta, spesso faticosamente, fuori dall'arena.

Nel rodeo vero e proprio i concorrenti sono quasi tutti maschi anche se non mancano le donne, che tuttavia partecipano sopratutto alle gare di barrel racing, team roping e calf doping.

Ogni rodeo segue un cerimoniale consolidato e solo dopo che si hanno acquisito le nozioni fondamentali tutto comincia ad avere un senso. La manifestazione ha inizio con una grande parata, nel corso della quale tutti i concorrenti, i clown e i funzionari sfilano nell'arena in sella ai loro cavalli, dopodiché segue l'alzata della bandiera degli Stati Uniti e si canta l'inno nazionale, successivamente il rodeo vero e proprio ha inizio.








[Utenti collegati in questo momento: 71] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore