Cerca nel sito

Articoli
- Diari di viaggio
- Guide pratiche
- Storia
- Cultura
- Sport
- Cucina
Informazioni
- Dati sugli stati
- Mappe
- Bandiere
- Istituzioni
- Fusi orari
Risorse e servizi
- Gallerie fotografiche
- Webcams
- Cartoline elettroniche
- News del giorno
- Meteo
- Pagine Gialle
- Libri e CD
- Links
Community
- Forum di discussione
- Chat room
- Dillo ad un amico



AVVISO IMPORTANTE

Come forse avrai notato, USAonline.it non è più aggiornato da un bel po' di tempo, per mancanza di tempo del webmaster.

Sarebbe bello far risorgere il sito, ad esempio creando un blog multi-autore in cui italiani che abitano negli USA o che comunque ci debbano stare per un tempo prolungato (mesi o anni, per studio o lavoro) raccontino le loro esperienze quotidiane.

Se la cosa ti interessa, o se comunque hai altre idee, entra in contatto scrivendo una e-mail a mbellinaso@gmail.com

Hip Hop & NBA


Qualcuno di voi si sarà chiesto qualche volta cosa fanno i giocatori NBA durante la off season, ovvero il periodo morto tra la fine della stagione e l'inizio della successiva. 

Com'è ovvio pensare quasi tutti si tengono in forma o cercano di migliorare gli aspetti più carenti del loro gioco, oltre a fare anche un po' di vacanza; altri invece si occupano dei loro hobby.

Vi chiederete cosa c'è di interessante. Beh, si dà il caso che stelle del calibro dell'Mvp Allen Iverson, o dei bi-campioni O'Neal e Bryant, smettano canotte e calzoncini e indossino pantaloni larghi, enormi maglie da football, cappellini da baseball o bandane e si dilettino dietro ad un microfono a fare del buon rap. Oddio, buono a seconda dei casi.

Il rapporto fra musica rap e basket non è certo una novità, soprattutto per ragazzi di colore: quella è la loro musica, il modo per raccontare storie dal ghetto e per stare lontani dai rischi e dalle tentazioni della strada. 


Ecco un inedito Shaquille O'Neal in versione rapper. Noi, veramente, lo preferiamo su un campo da basket...

Il rap fa da sottofondo alle interminabili e accesissime sfide dei playground ed è normale che il 99.9 % dei giocatori NBA lo ascolti (fa eccezione Karl Malone noto appassionato di musica country).

Il passo successivo è breve: a volte spinti da pura passione o divertimento, a volte dal desiderio di farsi pubblicità o per semplice business, alcuni giocatori decidono di lanciare sul mercato dei loro album hip hop, nei quali si trovano a duettari con veri e propri monarchi del genere. 

Il primo a provare un'esperienza del genere è stato Shaq: l'Mvp delle ultime finali, noto per la sua naturale predisposizione per lo spettacolo, ha pubblicato ben 4 album, alcuni dei quali hanno ottenuto un discreto successo. 

Il rap di Shaq è molto "party", festoso, come del resto è il carattere di O'Neal, ma bisogna dire che il centro dei Lakers non se la cava male al microfono. Ben diverso è il giudizio per le prove di Kobe Bryant

Diciamo, per usare un eufemismo, che l'ex giocatore della Lower Merion High, non ripete le gesta fenomenali che compie sul parquet, nonostante collaborino con lui personaggi del calibro di Dr.Dre, Nas, Destiny's Child, Scarface e Ice Cube. 

Poi l'immagine di Kobe non convince, è troppo un bravo ragazzo per aver successo come rapper. Le stesse recensioni di Vibe e Source, autorevoli magazine Hip Hop, lo hanno stroncato. 

Anche Chris Webber ha prodotto da solo un album rap, purtroppo difficilmente reperibile. L' unico pezzo in nostro possesso è "Gangsta Gangsta" con il duetto di Kurupt dei Dogg Pound; bisogna dire che non è male e che Chris, che si fa chiamare C-Webb, ha una bella voce e stile.

Ultimo in ordine di tempo è stato Allen Iverson. Uscito con il singolo "40 bars" e lo pseudonimo di Jewelz, ha creato scandalo e polemiche la scorsa estate per le rime hardcore e politicamente scorrette, molto diverse da quelle degli altri colleghi giocatori. 

Iverson ha fatto ovviamente un disco in puro stile Hapton: pistole, sparatorie, minaccie a omosessuali, storie di essere un duro o meno e così via. Lasciando da parte i contenuti, i tre pezzi ascoltati da me non sono malvagi, anche se le produzioni musicali sono molto scarne. 

Iverson, pardon Jewelz è bravo, ha talento e fa figure migliori dei già citati colleghi. Inoltre Allen ha molte amicizie vere nel mondo Hip Hop; infatti il rapper newyorkese Fat Joe (grande amico anche di Marbury) era fra gli invitati del matrimonio di The Answer dello scorso Luglio. 

I punti di contatto fra musica rap e NBA non sono solo questi però: infatti sempre più spesso i rapper invitano nei loro video cestisti famosi e li fanno recitare. 

Si può quindi vedere C-Webb invitare a ballare Foxy Brown, consigliata da Marbury sul da farsi, oppure Gary Payton e J.R Rider ballare nel video di "Nah Nah Nah" del loro concittadino (di Oakland) E-40. 

Proprio E-40 era stato al centro di una polemica con Rasheed Wallace qualche anno fa per alcune dichiarazioni del giocatore dei Blazers sui rapper della West Coast. E-40 era così arrabbiato da rispondere a Sheed con le rime taglienti di "Record Haters": lo stesso Wallace tra l'altro conduce un programma radiofonico rap dal titolo RAW in una stazione radio di Portland. 

L'ultima, ma solo in ordine di tempo, apparizione si star NBA in video rap, è quella di Shaq con P.Diddy (il nuovo nome di Puff Daddy). 
Il rapper, indossando la maglia numero 34 dei Lakers, sfida a basket tre ragazzi bianchi, a patto che possa giocare anche il suo amico Shaq. 

Inizia la sfida, palla a Diddy che fa partire un semplice passaggio no-look per O'Neal che schiaccia a due mani travolgendo gli avversari. I due si danno un doppio cinque alto e se ne vanno ballando a tempo di musica.







[Utenti collegati in questo momento: 72] Torna su



Mailing list
Vuoi essere informato degli aggiornamenti di USAonline.it? Iscriviti alla newsletter!



Copyright © 2007 by USAonline.it - Webmaster: Marco Bellinaso - Web Designer: Stefano Dore